Contenuto dell’articolo

Il fiduciario del Regina Public School Board (RPSB), Ted Jaleta, prevede di presentare una proposta il mese prossimo riguardante le pratiche di assunzione e il modo in cui le persone presentano la propria identità.

Contenuto dell’articolo

“È un problema crescente che le persone fingano di essere indigene per trovare lavoro, ma alcune di queste proposte chiedono indicazioni, cosa fare al riguardo”, ha detto in un’intervista questa settimana.

Contenuto dell’articolo

La bozza di proposta recita in parte che “persone senza scrupoli in vari settori hanno precedentemente affermato di essere indigeni quando non lo erano, e tale pratica dovrebbe essere scoraggiata tra il potenziale personale e gli insegnanti del RPSD”.

Durante la riunione dell’RPSB del 17 gennaio, Jaleta ha detto che avrebbe presentato la mozione alla prossima riunione, ma ha cercato di mettere la mozione ai voti, il che era fuori uso, secondo Tara Molson, presidente dell’RPSB.

In sostanza, ciò che Jaleta vuole è garantire che le persone siano chi dicono di essere e che nessuno approfitti della politica occupazionale.

Contenuto dell’articolo

Vorrebbe che ci fosse un “riassunto delle consultazioni con i membri della comunità indigena, compresi gli indigeni che vivono al di fuori di Regina, a seconda dei casi”. La richiesta chiederebbe una consultazione per “confermare se quei candidati al lavoro che affermano di essere indigeni lo sono in realtà”.

Il commissario del consiglio scolastico Ted Jaleta è visto qui in questa foto del file del 2020.
Il commissario del consiglio scolastico Ted Jaleta è visto qui in questa foto del file del 2020. Fotografato da BRANDON HARDER /Regina Leader-Post

Jaleta ha affermato che ciò è accaduto a causa di recenti esempi di persone in posizioni di rilievo, come ad esempio Carrie Burassa o Mary Ellen Turpel-Lafond, accusato di furto d’identità. Ha detto che questo sta accadendo “in tutto il Canada” e ritiene che l’RPSB dovrebbe essere proattivo nell’impedire che qualcosa di simile accada a livello locale, ma anche garantire che le opportunità che esistono per gli indigeni vadano agli indigeni.

Contenuto dell’articolo

Secondo Jalet, l’attuale sistema, nella sua percezione, potrebbe essere utilizzato da qualcuno che vuole identificarsi erroneamente.

Ha aggiunto che poiché il consiglio scolastico è impegnato nella riconciliazione come concetto generale, “la riconciliazione richiede anche che gli indigeni ci guidino nella politica dell’occupazione”.

Molson ha affermato che l’RPSB ha già un sovrintendente per l’istruzione indigena, nonché un consiglio consultivo per l’istruzione indigena, che include un consiglio consultivo di anziani. “Possiamo avere una consultazione adeguata quando facciamo queste cose. Quindi siamo davvero felici in questo senso”, ha detto.

“Abbiamo la possibilità di prendere i nostri desideri e bisogni da tali movimenti, al fine di andare alle consultazioni appropriate”.

Questo è un sentimento riecheggiato nella proposta di Jaleta, ma Molson ha detto che non vuole essere in una posizione in cui i commissari “prendano decisioni per o per conto della comunità, che includiamo la comunità nella conversazione”.

alsalloum@postmedia.com

Le notizie sembrano volare sempre più veloci. Dalle notizie sul COVID-19 alla politica, alla criminalità e tutto il resto, può essere difficile tenere il passo. Con questo in mente, è stato creato il Regina Leader-Post Titoli pomeridiani newsletter che può essere recapitata quotidianamente nella tua casella di posta per tenerti aggiornato sulle notizie più importanti della giornata. Clicca qui per iscriverti.

By admin

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *